Follow by Email

sabato 29 giugno 2013

L'ultima passiata

Ddu jornu di maggiu cantavanu
l'aceddi di tutti li razzi,
'tra chiusi e giardini la zàghira                                                       
li ciuri pinnevanu a mazzi;

e tutti li fogghi lucevanu
di l'urtimi sbrizzi vagnati,
dicìa di luntanu 'na nuvula:
<vi lassu ca veni l'estati!>.

Ddu jornu di maggiu nall'aria
chi festa pri li rinineddi!
e 'na terra li rosi sbucciavunu
chiù frischi, chiù russi, chiù beddi.

Pura idda 'na rosa, ma nicila,
ma forsi troppu dilicata,                                                         


filici ddu jornu di nesciri,
di farini 'na passiata.

Gudennu la vista non sazii
pri 'npezzu non dissimu nenti,
pirchì li paruli non giuvunu
su picca na certi mumenti;

ma poi a certu puntu vidennula
un pocu affilata e chiù janca,
allura ci dissi:< firmamuni,
turnamu si ti senti stanca>.

Scutiù la tistuzza e mi dissuru
già l'occhi prima di la vuci:
< no...oggi vurrìa risturarimi
di virdi, di suli, di luci!>.

ed anzi pri sintirisi libbira
ridennu si sciolsi lu velu,
ed eccu mi parsi chiù limpidu
chiù assai luminusu lu celu;                                               

mi parsi ca mentri passavumu,
li ciuri , li pianti d'attornu
ad idda di frunni , di ciauru
facissiru festa ddu jornu!..
Francesco Guglielmino 1872-1956

L'ultima passeggiata
Quel giorno di maggio cantavano uccelli d'ogni sorta, nei coltivi e nei giardini la zagara e i fiori pendevano a mazzi; e tutte le foglie lucevano bagnate dalle ultime gocce di pioggia, una nuvola lontana diceva.<Vi lascio poiché viene l'estate!>.Quel giorno di maggio nell'aria che festa per le rondini! e sulla terra le rose sbocciavano piu' fresche,più rosse, più belle.Anche lei come una rosa, ma gracile, ma forse troppo delicata, felice quel giorno di uscire, di fare una passeggiata con me. Godendo insaziabilmente il paesaggio per un po' non parlammo, perché le parole non giovano, non servono in certi momenti; ma ad un certo punto vedendola farsi un po' smorta, e piu' bianca, le dissi<fermiamoci, torniamo indietro se ti senti stanca> Scosse la testina e mi dissero i suoi occhi prima della sua voce:<No...oggi vorrei ristorarmi di verde,di sole, di luce!> ed anzi per sentirsi piu' libera sciolse sorridendo il velo, ed ecco che mi sembro' piu' limpido, piu' luminoso il cielo; mi sembro' che al nostro passaggio i fiori e gli alberi intorno a lei di fronde e di profumi facessero festa quel giorno....